Blog Donne in architettura Home

Donne in architettura: Zaha Hadid (1950 – 2016) – di Carlo Gibiino

Le donne hanno sempre dimostrato la loro passione e il loro talento per il design e l’architettura in una professione dominata dagli uomini. È paradossale che persino nel XXI secolo l’architettura possa ancora rappresentare un percorso di carriera impegnativo per le donne, e l’ineguaglianza di genere continua ad essere motivo di preoccupazione. Il ruolo che le donne hanno giocato nell’architettura è stato storicamente trascurato e la rigida struttura della società ha schiacciato i loro contributi tendendo a trascurali. Tuttavia, ci sono donne architette che, sfidando i pregiudizi della professione, hanno avuto un profondo impatto sull’architettura come la conosciamo oggi. In questa nuova rubrica celebriamo donne il cui impatto nel mondo dell’architettura è incommensurabile. Hanno aperto la strada a generazioni di architetti donne e hanno dato un grande contributo all’architettura internazionale. La lista, ovviamente, non è esaustiva e molti nomi importanti possono essere lasciati fuori e per ciò chiedo venia.

Questa rubrica vuole solo essere una piccola finestra su una lunga lista di leggendarie donne in architettura.

Zaha Hadid nel centro culturale di Heydar Aliyev a Baku nov 2013, Foto di Dmitry Ternovoy
  1. Zaha Hadid (1950 – 2016)

E’ stata un’architetta e designer irachena naturalizzata britannica. Ha ricevuto il Premio Pritzker nel 2004 (prima donna a ottenerlo) e il Premio Stirling nel 2010 e nel 2011. È stata una delle capofila e massime esponenti della corrente decostruttivista. Nel 2010 il TIME la include nell’elenco delle 100 personalità più influenti al mondo. Nel 2013, lo studio Zaha Hadid Architects con 246 architetti dipendenti, si colloca al 45º posto nell’elenco dei più importanti studi di architettura del mondo secondo BD Insurance Bureau.

Stazione Metro King Abdullah Financial District, Riyad, Arabia Saudita, 2013 – 2020 © Zaha Hadid Architects

Fu descritta dal The Guardian di Londra come la “Regina della curva”, che “liberò la geometria architettonica dandole una nuova identità espressiva”. I suoi lavori principali includono il centro acquatico per le Olimpiadi di Londra 2012, il Broad Art Museum della Michigan State University negli Stati Uniti e il Teatro dell’Opera di Guangzhou in Cina. Alcuni dei suoi progetti sono stati presentati postumi, tra cui la statuetta per i Brit Awards 2017, e diversi dei suoi edifici erano ancora in costruzione al momento della sua morte, tra cui lo stadio Al Wakrah in Qatar, sede della Coppa del Mondo FIFA del 2022.

Hotel Morpheus a City of Dreams, Cotai, Macao, Cina 2013 – 2018, Render © Zaha Hadid Architects

Hadid ha iniziato i suoi studi presso l’Università americana di Beirut, in Libano, ricevendo una laurea in matematica. Nel 1972 si recò a Londra per studiare presso l’Architectural Association, un importante centro di pensiero architettonico progressista negli anni ’70. Lì ha incontrato gli architetti Elia Zenghelis e Rem Koolhaas, con i quali avrebbe collaborato come partner presso l’Office of Metropolitan Architecture. Hadid ha fondato la sua società con sede a Londra nel 1979.

Torre Generali, Citylife, Milano, 2015 – in corso di costruzione, Fotografia 2017 © Citylife
Messner Mountain Museum Corones, 2013, Bolzano, Fotografia © inexhibit.com

Nel 1983 Hadid ha ottenuto riconoscimenti internazionali con la sua proposta vincitrice di un concorso per The Peak, un centro ricreativo ad Hong Kong. Ispirata da Kazimir Malevich e dai Suprematisti, i suoi disegni geometrici aggressivi sono caratterizzati da un senso di frammentazione, instabilità e movimento. Questo stile frammentario la portò ad essere raggruppata con architetti noti come “decostruttivisti”, una classificazione resa popolare dalla mostra di riferimento del 1988 “Architettura decostruttivista” tenutasi al Museum of Modern Art di New York City.

Dongdaemun Design Plaza, Seul, Corea del Sud, 2007 – 2017, Fotografia © Virgile Simon Bertrand

Hadid ha consolidato la sua reputazione di architetto di opere costruite nel 2000, quando sono iniziati i lavori per la progettazione di un nuovo Centro per l’arte contemporanea Lois & Richard Rosenthal a Cincinnati, Ohio. Il centro di 7.900 metri quadrati, inaugurato nel 2003, è stato il primo museo americano progettato da una donna. Essenzialmente una serie verticale di cubi e vuoti, il museo si trova nel mezzo del centro di Cincinnati. Il lato che si affaccia sulla strada ha una facciata in vetro traslucido che invita i passanti a guardare dentro le opere del museo e quindi contraddice la nozione di museo come uno spazio poco invitante. Il piano dell’edificio si curva dolcemente verso l’alto dopo che il visitatore entra nell’edificio; Hadid ha detto che questo crea un “tappeto urbano” che accoglie le persone nel museo.

London Aquatics Centre, Londra. 2005 -2012, Fotografia © Hufton + Crow
Phaeno Science Centre, Wolfsburg, Germania, 2000 – 2005, Fotografia © Werner Huthmacher

Ha insegnato architettura in diverse università, tra cui l’Architectural Association, l’Università di Harvard, l’Università di Chicago e la Yale University. Ha lavorato anche come designer di mobili, designer di spazi interni come ristoranti e scenografie, in particolare per la produzione della Filarmonica di Los Angeles del 2014 di Così fan tutte di Mozart. Oltre al Pritzker Prize e al Stirling Prize, i suoi numerosi premi includono il premio Praemium Imperiale per l’architettura della Japan Art Association (2009). Hadid era membro dell’Editorial Advisors della Encyclopædia Britannica (2005-06). Nel 2012 è stata nominata Dame Comandante dell’Ordine dell’Impero Britannico (DBE).

Heydar Aliyev Center, Azerbaijan, 2013 © Iwan Baan
Riverside Museum di Glasgow (2011). Questo progetto è stato premiato con il European Museum of the Year 2013, © Flickr Creative Commons: Culture & Sport Glasgow

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *