Architettura e design

TeamLab crea vortici di luci interattive all’interno della National Gallery of Victoria

TeamLab ha creato l’installazione digitale interattiva presso la National Gallery of Victoria nell’ambito della NGV Triennial – una vetrina di oltre 100 artisti e designer contemporanei. Progettato per sembrare vortici d’acqua, l’installazione è creata da luci “immersive e reattive” che proiettano linee mobili sul pavimento. Queste luci sono programmate per rispondere alla presenza e al movimento delle persone nella stanza.

Quando una persona si muove, viene applicata una forza in quella direzione. Di conseguenza, si verifica un flusso “, hanno spiegato i progettisti. “Più veloce si muove, più forte è la forza applicata in quella direzione”, hanno detto. “Se una persona non si muove o non ci sono più persone, non si verificherà alcun flusso e nulla sarà presente nello spazio.”

Il progetto si intitola “Moving Creates Vorticles Create Movement”. Secondo TeamLab, è inteso a dimostrare la capacità degli esseri umani di cambiare il corso della natura. “Le opere nascono e continuano a trasformarsi sotto l’influenza del movimento”, hanno spiegato.

“Nell’oceano, le differenze di quote del terreno, come ad esempio un’isola, producono una differenza di velocità di flusso e viene generato un vortice”, hanno continuato.

“I vortici fanno ruotare le carcasse di organismi affondati nel fondo dell’oceano, producendo acqua di mare nutriente, che diventa una fonte di sostentamento per il plancton che a sua volta serve a far crescere e nutrire la vita marina, i vortici quindi contribuiscono ad arricchire l’oceano”.

Gli specchi circondano lo spazio, creando l’illusione di un oceano infinito all’interno della galleria. Formato nel 2001, TeamLab è un collettivo interdisciplinare che mira a esplorare la relazione tra uomo e natura attraverso l’arte, il design e la tecnologia.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *