Architettura e design

London Festival of Architecture 2015: La città come “work in progress”

Alcuni studi di architettura provenienti dall’ Irlanda si sono riuniti per creare padiglioni colorati al London Festival of Architecture – uno rosso che contiene un passaggio elevato e uno giallo che ospita una biblioteca di mattoni. La più grande delle due strutture è il Padiglione Rosso, progettato come una collaborazione tra TAKA, Clancy Moore Architetti e Steve Larkin architetti, che condividono uno studio a Dublino. Questo si affianca il Padiglione Giallo, ideato dalla società di Belfast Sala McKnight.Entrambe le strutture sono destinate a rappresentare il tema del festival, Work in Progress, ma in modi diversi. Il Padiglione rosso è stato progettato come un quadro di riferimento per l’attività, mentre il Padiglione Giallo si propone di mostrare alcune delle componenti che costituiscono la città. “Abbracciando il tema della Festa dell’Architettura , questi abbellimenti per l’ambiente costruito giocano con preconcetti di lavoro e di piacere, vecchi e nuovi, pubblici e privati, la camera e la città”, hanno spiegato i curatori del progetto Raymund Ryan e Nathalie Weadick. I due padiglioni sono stati installati in Cubitt Square – parte di un enorme zona di sviluppo vicino alla stazione di King’s Cross – per tutta la durata del London Festival of Architecture 2015, che si chiuderà alla fine di giugno. Il Padiglione rosso si trova nella parte settentrionale del sito. La sua forma integra colonne di cemento, un colonnato a forma di casa, finestre circolari, una facciata modulare e uno stretto passaggio sopraelevato. La struttura è stata realizzata con una struttura in legno e pareti di pannelli costruiti da trucioli di legno. Tutto è dipinto di rosso, a parte le colonne di cemento intorno alla base, provocando similitudini con Jean Nouvel 2010 della Serpentine Gallery Pavilion e le numerose strutture nel Parc di Bernard Tschumi de la Villette. “Il padiglione emerge da una constatazione che tutte le città sono un lavoro collettivo in corso – questo è la loro condizione permanente”, ha spiegato Andrew Clancey e Colm Moore, i due fondatori di Clancy Moore Architects.  Abbiamo anche visto l’opportunità di lavorare in collaborazione con gli amici, per esplorare tante conversazioni che abbiamo avuto attraverso un progetto collettivo “, hanno detto …”Crediamo che la città ha bisogno di un lavoro a più mani per la sua vitalità. Così il processo di lavorazione di molteplici idee sul padiglione è stato davvero importante”, ha aggiunto di TAKA Alice Casey e Cian Deegan. A pochi metri di distanza, il Padiglione giallo è una struttura più piccola e più rettilinea. La sua facciata è una griglia di pannelli angolati, ciascuna integrando una finestra a volta, mentre i suoi ingressi sono aperture che si estendono dal suolo al tetto. All’interno, la sua struttura a griglia diventa uno scaffale dove si materializza una libreria di mattoni – tutti di provenienza da una strada a Belfast.”Il padiglione è un veicolo per il trasporto di un insieme di mattoni che parla della città come un work in progress”, hanno spiegato gli architetti Alastair Hall and Ian McKnight.”In questo senso il progetto non è nostro. Appartiene alla città e, proprio come la città è un insieme di molti progetti, realizzati da molti, entrambe le caratteristiche dei mattoni ‘di individualità e di coesione vengono così espressi”.”I mattoni hanno già avuto una vita in una strada con edifici a schiera in Belfast – ora hanno un’altra vita essi vengono modificati e lavorati”, ha aggiunto il duo.Collettivamente chiamato New Horizon, il progetto fa parte di un programma lungo un anno di eventi sostenuti dal governo irlandese, dal titolo Progettazione irlandesi il 2015.Una mostra di mobili da entrambi i lati della frontiera nord-sud dell’Irlanda è stato presentato a Milano nel mese di aprile, e verranno creati entro la fine dell’anno istallazioni per la Biennale di Architettura di Chicago e la Shenzhen / Hong Kong Bi-City Biennale di Urbanistica / Architettura. “La produzione creativa Irlandese è stata a lungo inquadrata da letteratura, musica, teatro, cinema e arte ma questi rappresentano solo un frammento della larghezza della creatività irlandese”, ha detto Karen Hennessy, amministratore delegato di Design irlandese il 2015.”New Horizon, scrive un nuovo capitolo nella storia creativa irlandese, presentando una selezione di più interessanti studi di architettura d’Irlanda.
Fotografie di Andy Stagg

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *