Blog

Marlène Huissoud usa sottoprodotti di insetti per creare nuovi materiali

La Designer francese Marlène Huissoud spiega come ha prodotto una serie di oggetti di pelle e vetro con resina raccolte da alveari e bozzoli di bachi da seta.”Sto mostrando due materiali diversi che provengono da due insetti diversi,”dice Huissoud” in un docu_film girato ad Eindhoven durante il Design Week olandese l’anno scorso. “E ‘una celebrazione delle proprietà di questi materiali.” Huissoud, che proviene da una famiglia di apicoltori, ha prodotto una serie di vasi da una sorta di propoli resina biodegradabile. La resina è prodotto dalle api materia vegetale ed è usato per piccoli spazi in un alveare. Le api lo raccolgono e lo utilizzano come sigillante “, spiega Huissoud.” Una volta all’anno l’apicoltore deve rimuovere questo materiale per estrarne il miele. Huissoud ha scoperto che purificando e riscaldando questo materiale, poteva essere lavorato come il vetro soffiato. Il Propoli ha proprietà diverse a seconda degli alberi dai quali le api si nutrono, spiega. “Quello che ho esplorato è dagli alberi di caucciù. Ha un aspetto simile al vetro davvero unico.” Con un punto di fusione molto più basso, il materiale è più facile da manipolare rispetto al vetro, dice Huissoud, ma produce risultati simili. Il secondo materiale che la designer ha sviluppato è composto dai bozzoli di una specie di baco da seta indiana, che è allevato principalmente per l’industria alimentare, piuttosto che la produzione della seta. I bozzoli contengono una colla naturale chiamata “sericina” che lega le fibre di seta insieme quando viene applicato il calore e l’acqua. Il bozzolo è come una cipolla, ma ha diversi strati di fibre e contiene un incredibile collante naturale”, spiega Huissoud. “Si può fare davvero una carta motlo resistente. Huissoud ha scoperto che combinando il materiale cartaceo con il propoli, si può creare un materiale con le proprietà del cuoio. Ho usato il bioresin api come una vernice su di esso, “dice”. Questo nuovo materiale è molto simile alla pelle e può essere utilizzato per la moda o i mobili. Entrambi i materiali sono realizzai usando prodotti naturali di insetti, Il Propoli è in realtà molto raro, basti pensare che un solo alveare ne produce non più di 100 grammi in un anno, dice. “è davvero un progetto artigianale”, spiega, “io non lo vedo ad avere un potenziale industriale perché ape bioresin è molto prezioso.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *