Architettura e design

Silos 13: il vecchio impianto industriale diventa scultura urbana

Il progetto è situato a circa 5 metri dalla circonvallazione est di Parigi, alla fine del distretto Zac Rive Gauche. Per consentire questo nuovo sviluppo, la città di Parigi ha chiesto alla Ciments Calcia di spostare il proprio centro di distribuzione esistente vicino alla Senna, non distante dalla stazione di Austerlitz, consentendo di mantenere i rapporti con i clienti della società, di cui l’80% risiede nella zona circostante. Il progetto, trasforma un impianto industriale in una scultura  dal design audace per un impianto industriale. L’edificio, trasformato in uno spazio di lavoro unico, diviene simbolo stesso del materiale che contiene: i corpi verticali (i silos, le scale, gli uffici, il centro per i test) ed il piano terra, sono interamente in cemento, sottolineando così il potenziale plastico di questo componente.  Nell’area uffici e nello spazio di controllo qualità, la luce proveniente dalle due estremità dei silos non risultava sufficiente per illuminare tutti gli spazi di lavoro, l’apertura sugli involucri doveva essere abbastanza grande per permettere l’ingresso della luce ma altrettanto piccola da mantenere la volumetria del complesso. La forma scelta è quelle delle pietre utilizzate nella fabbricazione del calcestruzzo, le finestre riprendono quella dei frammenti di minerale o delle rocce frantumate; al posto del vetro, è stata utilizzata una semplice rete in acciaio inox, alleggerendo il volume della torre, in contrasto con gli elementi orizzontali sullo sfondo. I gusci dei silos orizzontali sono prefabbricati, trasportati in loco e montati in non più di 24 ore, per ogni elemento. 
Carlo Gibiino

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *