Blog

Scribble pen: la penna che disegna con 16 milioni di colori

Questa penna riesce a catturare qualsiasi sfumatura di colore tramite uno sensore RGB a 16 bit, per poi riprodurla miscelando gli inchiostri in quadricromia (CMYK),  può memorizzare il colore o lo si può trasferire al proprio smartphone, tablet o PC. Ci siamo ispirati a Photoshop, dice Kevin Harrison, ideatore dello start-up con base in San Francisco, per creare quella che vuole essere il perfetto mix tra  tradizionale e High Tech. Il progetto va avanti da circa due anni, è stato coinvolto un team di ingegneri elettronici e scienziati del colore; abbiamo pensato che sarebbe stato magnifico avere a disposizione una penna che potesse riprodurre qualsiasi colore con un semplice tocco, perfetto per  artisti, designers e bambini.  Inoltre contiene tante altre applicazioni per la grafica il design e l’interior design, tanto che stanno ancora lavorando sullo sviluppo dell’hardware. In effetti funziona proprio come Photoshop, dal retro si effettua una scansione della superficie colorata desiderata, si preme un pulsante e la punta sarà in grado di riprodurla fedelmente. Gli ideatori di questo progetto interessante, creativo e dal design accattivante, hanno lanciato una campagna di crowfounding attraverso due diverse piattaforme – Kickstarter e Tilt – , entrambe, però. hanno sospeso la raccolta,e quindi la possibbile distribuzione della penna per il 2014, in quanto, così come si legge nei blog ufficiali delle piattaforme, hanno sospettato che il video potesse essere fuorviante e non rappresentativo delle effettive potenzialità dell’oggetto, rilevando anche alcune discrepanze tra il video stesso e le informazioni prese dai sostenitori, così hanno pensato di restituire immediatamente tutti i fondi raccolti. Gli ideatori comunque non si sono dati per vinti e, al di là delle incomprensioni nate, credono che il progetto possa andare avanti ed essere presentato nel 2015. Spero, dunque, che questo incredibile  e rivoluzionario prodotto dalle infinite potenzialità possa  vedere a breve la luce.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *